Guida Pratica alla Permacultura – libro di Sepp Holzer

Sepp Holzer Guida Pratica alla Permacultura

E’ in arrivo finalmente in italiano il libro Guida Pratica alla Permacultura di Sepp Holzer, il contadino ribelle.

permacultura libro di sepp holzerPermacultura significa sostanzialmente praticare l’agricoltura seguendo il modello naturale, basato sui cicli naturali e gli ecosistemi: tutti gli elementi di questo sistema interagiscono fra di loro.

Fra gli argomenti trattati:

  • Architettura del paesaggio: realizzazione e possibilità di organizzazione di un paesaggio in permacultura
  • Coltivazione agricola alternativa: sovescio e allevamento alternativo
  • Frutteti: Possibilità di utilizzo e progettazione
  • Funghicoltura: Su legno – su paglia – coltivazione dei funghi di bosco – vantaggi per la salute
  • Orti e giardini: L’orto di campagna e le particolarità degli orti urbani.

Spero che questo libro contribuisca a improntare al rispetto il nostro rapporto con la natura e con l’ambiente! La natura è perfetta, così come lo è tutto il creato: siamo solo noi uomini a fare gli errori.

Ma vediamo chi è Sepp Holzer.

separatore

Sepp Holzer è un personaggio straordinario che riesce a coltivare un’incredibile varietà di cibo, compreso quello esotico, su ripidi pendii a 1500 metri di altitudine sulle Alpi austriache – un paesaggio dove in genere sono coltivate monoculture di abeti rossi di poco valore. Holzer spiega in che modo usa i principi della permacultura per lavorare con la natura e perché i suoi metodi possono essere usati da tutti noi, nei giardini o nelle fattorie, in città o in campagna

Un paesaggio in permacultura è progettato in modo che tutte le varietà di piante e animali che vivono lì lavorino in armonia l’uno con l’altro. Questo è l’unico modo per amministrare la terra in modo stabile e sostenibile. Tutte le risorse disponibili – che siano sorgenti, laghetti, paludi, promontori, foreste o edifici – vengono impiegate e incluse nel progetto. È importante che le risorse siano usate in modo che sia appropriato per l’ambiente circostante; in pratica ciò significa che le caratteristiche naturali di ogni area devono essere rinforzate e aiutate. Ciò ci garantisce i risultati desiderati e il minor spreco di energia.

Sepp Holzer Guida Pratica alla Permacultura 1

Le possibilità del paesaggio sono quasi illimitate quando creiamo secondo i dettami della permacultura

L’acqua è vita e quindi deve essere trattata con grande cura. Ecco perché cerco di trattenere l’acqua (sia che sia piovana, di sorgente o un deflusso delle acque di superficie) sulla mia terra il più a lungo possibile. Quest’acqua può essere usata in molti modi diversi. Ad esempio, se c’è del terreno bagnato costruisco un laghetto, oppure giardini acquatici o delle zone umide in cui pianto delle orchidee. Nei terreni asciutti coltivo erbe che preferiscono condizioni di semiaridità come il timo, il timo strisciante (Thymus serpyllum), la maggiorana e la salvia.

Anche il grano amaranto e gli spinaci della Nuova Zelanda sono adatti a un terreno asciutto e danno dei buoni raccolti. Ma questi non sono che pochi esempi di piante che prosperano in queste condizioni.

Le terrazze sono una parte molto importante del mio sistema di permacultura. Senza terrazze sarebbe impossibile lavorare l’altrimenti improduttivo e a volte inaccessibile terra del Kramenterhof. Con l’uso delle terrazze, che possono anche essere usate come sentieri, posso coltivare persino i pendii più ripidi e ricavarne un utile. Le terrazze permettono anche di usare macchinari di media grandezza. Mi permettono di lavorare un pezzo di terra sostanzialmente più ampio; guadagnare della terra extra è molto importante per i piccoli contadini. Le terrazze aiutano anche a fermare la perdita di prezioso humus che altrimenti verrebbe spazzato via.

Sepp Holzer Guida Pratica alla Permacultura 2

Con l’uso delle terrazze, che possono anche essere usate come sentieri, posso coltivare persino i pendii più ripidi e ricavarne un utile

E infine, aiutano a prevenire l’erosione del suolo e forniscono un considerevole contributo alla sua salute e fertilità. Quando si costruisce una terrazza è molto importante ridurre il numero di vicoli ciechi. Se possibile, ogni terrazza dovrebbe formare un’unica cintura di terra, così che le terrazze possano essere lavorate usando meno energie possibili. Mentre costruivo le mie terrazze ho cercato di seguire i principi della natura. Di regola, non dovrebbero esserci linee rette, angoli o pendii ripidi (con l’eccezione dei letti rialzati). È importante anche sciogliere il paesaggio creando numerose forme e caratteristiche. Ciò aiuta a creare diversi microclimi, che danno alla terra un potenziale di coltivazione ancora maggiore. La creazione di aree umide, siepi, frangivento o letti rialzati in diverse zone permettono di ottenere risultati in condizioni climatiche speciali. In questi posti posso coltivare una gran quantità di piante che altrimenti non sarebbero in grado di sopravvivere.

Le possibilità del paesaggio sono quasi illimitate quando creiamo secondo i dettami della permacultura. Tutto è possibile almeno finché le condizioni del terreno e del suolo lo permettono. I letti rialzati sono usati per coltivare le verdure e i raccolti. I terrazzamenti forniscono una grande area per piantare e accedere agli angoli più nascosti della mia fattoria. Letti e terrazze possono svolgere una moltitudine di funzioni diverse. Per esempio, se la strada o la ferrovia costeggiano la terra, o se c’è una fattoria nelle vicinanze, posso usare i letti rialzati per tenere lontane le emissioni, la polvere, il rumore e i fumi. Posiziono i letti agli angoli della mia fattoria e ci pianto diverse varietà di alberi e arbusti. I letti e la loro rigogliosa vegetazione lavorano con una barriera visiva e proteggono la terra dall’inquinamento. Le piante crescono dentro a una barriera che fornisce anche riparo e un luogo dove vivere a uccelli, ricci e insetti. Le barriere come questa giocano un ruolo fondamentale nell’incoraggiare le colonie di animali e insetti utili.

Quando si progettano i letti e i terrazzamenti si dovrebbero rispettare i confini della proprietà e i diritti dei vicini. In questo modo non sorgeranno problemi inutili in seguito. Cerco di seguire le norme il più possibile. Se ciò non viene fatto nella fase di pianificazione o durante la costruzione, successivamente sarà poi più difficile ottenere i permessi necessari dalle autorità.

Sepp Holzer Guida Pratica alla Permacultura 3

Non ho mai visto un pezzo di terra in cui non fosse possibile stabilire e mantenere un sistema di permacultura

Il bestiame (maiali, polli, oche ecc.) ha un ruolo complementare nel sistema di permacultura e ha avuto la stessa importanza nel corso della storia in molte culture. Un ben pianificato sistema di recinzione mi permette di tenere gli animali stesso pezzo di terra dove si trova il raccolto. Invece di danneggiare la terra con uno sfruttamento eccessivo dei pascoli, gli animali in realtà mi aiutano nel lavoro.

Naturalmente, deve essere fatta molta attenzione quando si fanno grossi cambiamenti al territorio. Le condizioni geologiche devono essere prese in considerazione per evitare frane o erosione dei canali. Come risultato, è sempre una buona idea cominciare piano piano e gradualmente acquistare l’esperienza necessaria. Se volete fare subito qualcosa su una scala più larga cercate un aiuto professionale. Al giorno d’oggi, non ho mai visto un pezzo di terra in cui non fosse possibile stabilire e mantenere un sistema di permacultura. Sia che si tratti del più piccolo dei giardini o la più grande delle proprietà, in città o in campagna, i principi della permacultura possono essere applicati ovunque.

Prenditi il libro Guida Pratica alla Permacultura di Sepp Holzer, con un altro libro in omaggio.

Da Vivi Consapevole n° 29